Il gruppo

Giulio Sirci, batteria e vociGiulio Sirci

Batteria, percussioni, voce

Dopo qualche sporadica apparizione nei Generation Gap del bassista Maurizio Colori, allora tastierista, è uno dei fondatori nel 1982, insieme a Colori, dei Ramblers, gruppo rock degli inizi anni '80. Intanto aveva fondato, insieme al tastierista Enrico Romizi, un altro gruppo, gli Headquarters, col quale, specialmente dopo lo scioglimento dei Ramblers, avvenuto nel 1985, ebbe, sino alla fine degli anni '80, un'intensa attività live, portando quel rock duro, romantico e molto tecnico (Rush, Genesis, P.F.M. i loro ispiratori) in tutta italia.
Nel '90 segue le orme del suo vecchio compagno ai tempi dei Ramblers, Maurizio Colori, ed entra anch'egli a far parte degli Horror-Project di Claudio Simonetti, a cui si unirà poco dopo il chitarrista Donato Iozzelli, partecipando alla registrazione di Simonetti Horror Project del '90 e di Days of confusion del '91 partecipando ad una sessantina di concerti in italia ed all'estero fino al 1992.
Dotato di tecnica sopraffina, è stato definito il metronomo tecnicamente perfetto, riesce a tirare fuori l'anima dal suo strumento, condendo il tutto con una spiccata dote di fantasia, formando col bassista Maurizio Colori, con il quale ha oltre 20 anni di affiatamento, una base ritmica di tutto rispetto. È dotato anche di una notevole capacità canora, rendendo la sua somiglianza artistica con Phil Collins quasi impressionante.

Paolo Tacconi, tastierePaolo Tacconi

Tastiere, voce

Nasce a Perugia nel 1969 e fin da piccolissimo inizia a suonare la tastiera seguendo la grande passione per la musica trasmessagli dal padre. Frequenta il Conservatorio di Musica "Francesco Morlacchi" di Perugia e nel 1997 si diploma in pianoforte con il massimo dei voti sotto la guida del Maestro Michele Rossetti. Nel 2003 consegue, presso lo stesso istituto perugino, il diploma in Didattica della Musica che lo abilita all'insegnamento. Dal 1998 al 2006 svolge attività didattica presso l'VIII circolo didattico di Perugia, come insegnante di educazione al suono e alla musica e come consulente degli insegnanti; dal 2003 insegna Educazione Musicale presso scuole secondarie di primo grado. E' insegnante di pianoforte presso scuole e istituti privati nella provincia di Perugia. Svolge attività concertistica come pianista-organista accompagnatore di cori polifonici e cori di voci bianche, come pianista in duo e in varie formazioni, tenendo concerti sia in Italia sia all'estero. Oltre allo studio del repertorio classico, coltiva negli anni l’interesse verso la "musica leggera" che lo porta a militare in vari gruppi rock e pop. Accoglie con entusiasmo la possibilità di entrare a far parte del progetto The Lamb, che gli permette di cimentarsi in quella che è stata da sempre la sua grande passione: i Genesis e Peter Gabriel.

Maurizio Colori, bassMaurizio Colori

Basso, voce, basso pedal, chitarra acustica

Lo troviamo tastierista dei Generation Gap già sul finire degli anni '70 fino al 1981 per poi imbracciare il "suo" strumento definitivamente, il basso elettrico, e fondare nel 1982 con Massimo Bigi, Augusto Sacco e Giulio Sirci i Ramblers (ottimo gruppo rock della prima metà degli anni '80).
Nel 1985 i Ramblers si sciolgono e dal 1986 al 1988, collabora con gli Eclipse, gruppo romano Metal-Fusion del chitarrista Giorgio Paciotti, padre di Federico e Valentina, chitarrista e tastierista dei Gazosa, già vincitori di un edizione di Sanremo nuove proposte.
Nel 1989 entra a far parte degli Horror-Project di Claudio Simonetti, con i quali parteciperà alla stesura ed alla registrazione di ben 4 album: Simonetti Horror Project del 1990 (disco d'oro per le vendite), Days of confusion del 1991, X-terror file del 1996, e The end of the millenium del 1998. Con questa formazione ha tenuto più di 250 concerti in giro dell'italia e all'estero (famoso quello del 14 Maggio del 1991 al teatro Franklin di Los Angeles) in circa in 10 anni di tournèe con musicisti del calibro di, oltre al già citato Claudio Simonetti, Daniele Conte, Walter Martino, Giorgio Paciotti, Massimo Morante, Giacomo Castellano (già chitarrista di Raf e Irene Grandi) Andrea Fois (Irene Grandi), nonchè Giulio Sirci e Donato Iozzelli con i quali condivide adesso le fortune dei The Lamb.
È stato uno dei fondatori del CAM (Centro Accademico Musicale) di cui è stato insegnante di basso elettrico nel triennio 97-99. Forma col batterista Giulio Sirci una affiatata e consolidata base ritmica, coppia dalla quale è nata, sfruttando la comune passione per il progressivo ed in particolare per i Genesis, l'idea di riproporli accuratamente col risultato attuale che si chiama The Lamb.

Vincenzo Misceo Vincenzo Misceo

Voce, cembalo, flauto, percussioni

Vincenzo Misceo nasce a Roma nel 1964. Sin dalla più tenera età è appassionato dei Beatles e passa pomeriggi interminabili, insieme ai 3 fratelli più piccoli, davanti allo specchio ad interpretare in playback le canzoni dei Fab Four.
Nel 1981 inizia la collaborazione con gli Anthem, di cui ben presto diventerà la colonna portante; decine di concerti in giro per l'Italia e un 33 giri di brani inediti all'attivo, fino allo scioglimento della band nel 1987.
Il primo approccio "vocale" con i Genesis avviene nel giugno 1982, quando gli viene proposto di cantare in concerto presso l'Istituto di cinematografia "R.Rossellini". I brani erano: Behind the lines, Firth of Fifth, e il capolavoro maximo: Supper's Ready....a 17 anni....
Conclusa l'esperienza con gli Anthem, fa parte negli anni successivi di varie cover band: Police, Cult, Doors, Led Zeppelin, Queen, Living Colours, ma l'occasione di ricantare i Genesis si presenta nel 2000 con la band Nursery Cryme. Nel frattempo milita in un coro polifonico, Polymetis, con repertorio sacro e profano, di vari autori, tra cui Mozart, Gounod, Schubert, ecc., con il ruolo di voce solista tenore, con concerti anche di fronte a Sua Santità Giovanni Paolo II.
Inaspettata è arrivata la proposta dei The Lamb alla quale ha aderito con piacere; dopo la prima prova si è avuta la sensazione che Vincenzo cantasse da sempre con i The Lamb...che strana alchimia!
Dall'entrata nei The Lamb è stata poi una escalation continua fino a raggiungere il suo sogno della vita: cantare Watcher of the skies dividendo il palco niente meno che con Steve Hackett; questo è successo nell'ottobre del 2011 a Roma, in occasione del Prog Exhibition dove appunto con Steve Hackett, accompagnato dai New Goblin di Simonetti/Morante/Guarini, ha fornito una perfomance d'eccezione emozionando il numeroso pubblico presente al Tendastrisce.

Matteo Settepani - The Lamb Genesis Cover BandMatteo Settepani

Chitarra, chitarra acustica

Nato nel 1983, vanta già una discreta esperienza live. Fa parte di altre due band, di cui un Dream Theater-tribute.
All'inizio del suo studio chitarristico si è avvalso dell'insegnamento, per due anni di corso, del maestro Simone Vignini, dal quale ha senza dubbio appreso l'ottimo approccio allo strumento, la precisione, la tecnica e sicuramente il gusto per il "progressive". Successivamente si è perfezionato in un corso con il maestro Michele Sbaragli.
E' dal 2005 uno degli insegnanti del CAM (Centro Accademico Musicale) di Castiglione del Lago.
Amante del rock-progressive e soprattutto dei Genesis, alla proposta di entrare a far parte del progetto The Lamb ha accettato con enorme entusiasmo.

Home :: Inizio Pagina

Webmaster: GoalNet Srl   www.goalnet.it

Copyright © 2007 The Lamb Genesis Cover Band